San-Lurins       San Lorenzo Isontino (GO)
Ettari vitati: 3
Bottiglie annue prodotte mediamente: 4.000

Quasi 150 anni fa i bisnonni di Marco acquistavano il primo pezzo di terra e mettevano radici a San Lorenzo Isontino: iniziavano una storia. Agricoltura e allevamento, una piccola fattoria dove si faceva anche il vino. Tutto va come deve e la piccola realtà cresce e supera le guerre, solo nei primi anni ’70 cessa la produzione diretta del vino e continua la viticoltura per la vendita delle uve. Nel 1972 nasce una nuova vigna di malvasia istriana piantata da nonno Mario: alcuni ettari allevati a casarsa con 2500 piante per ettaro. Negli anni ’90 papà Armando precorre i tempi e avvia la conversione alla conduzione totalmente biologica delle vigne che certifica dal 1999. 

Quella di Marco è una storia di radici e tralci che si intrecciano con il suo dna ma non è scontata. Giovanissimo e con le idee chiare decide di “tornare a fare il vino” e nel 2014 mette a punto la prima annata da quella vigna che oggi ha 45 anni; nasce Marina: 1000 bottiglie di vino frizzante rifermentato in bottiglia non sboccato che matura sui lieviti per almeno 8 mesi dopo la presa di spuma. Oggi l’annata 2014 riposa in bottiglia da oltre 24 mesi e la sua espressività è vivissima e piena: sentori salmastri marini (da qui il nome), aromi di pasticceria e agrumi maturi nel piacevole finale ne fanno un vino di carattere e personalità come il suo creatore. Non è da meno la seconda annata, la piacevolezza del 2014 convince il giovane e determinato vignaiolo a continuare. L’annata 2015 è prodotta in 4000 bottiglie, ha un bellissimo presente ed uno splendido futuro e anche qui si può dire che ben descrive Marco.

 



vai al sito